CRONACA

Zac7 - Il giornale del Centro Abruzzo

33248Sulmona

Sulmona-Roma: la Tua cancella altre corse

Il sindaco Di Piero: “Accanimento dell’azienda nei confronti del territorio Peligno”

Documento senza titolo

Dal 1 aprile la Tua cancella un’ulteriore corsa Sulmona-Roma (andata e ritorno) e il territorio continua a perdere servizi. Il sindaco di Sulmona Gianfranco Di Piero non usa mezzi termini per definire la situazione “il segno evidente di una sorta di accanimento dell’azienda regionale dei trasporti a danno degli utenti sulmonesi e del territorio peligno”. Da parte sua il Presidente dell’azienda, Gabriele De Angelis, sollecitato anche dai sindacati di categoria, sui quasi sei milioni di euro derivanti dai fondi Pnrr, di cui nemmeno un centesimo ricadrà a beneficio dell’area peligna, non ha ancora dato una risposta.
“Oggi, arriva un nuovo duro colpo alle legittime attese dei lavoratori e studenti pendolari, che da tempo lamentano disagi nel viaggio da e per la Capitale” riprende Di Piero “Dal momento del suo insediamento,  questa Amministrazione comunale ha incontrato, più volte, i massimi dirigenti dell’azienda Tua e il Sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale, Umberto D’Annuntiis, denunciando il dimezzamento delle corse stabilito durante l’emergenza coronavirus. Le corse soppresse non sono state  ristabilite, né è stato dato seguito alla proposta avanzata dall’Amministrazione comunale di fissare collegamenti di trasporto pubblico locale tra Sulmona e Avezzano, in concomitanza dei numerosi collegamenti tra il capoluogo marsicano e Roma. Le rassicurazioni ricevute al riguardo non hanno avuto concretezza. Anzi, il quadro del servizio per Sulmona e per la Valle Peligna continua ad aggravarsi ed il nostro territorio risulta sempre più isolato. A questo punto” conclude il sindaco Di Piero “possiamo solo prendere atto del chiaro disinteresse di Tua e quindi della Regione Abruzzo verso le aree interne, privandole di servizi indispensabili a contrastare isolamento e spopolamento e disincentivando ogni forma di investimento, necessario al loro rilancio economico”


postato il 30/3/2023 alle ore 12:30

Share
Ci sono 19604 articoli in questa categoria. Leggi gli altri prossimo