EDITORIALE

22627Sulmona

Fonderia Abruzzo:se l'ombrellina e' top non scandalizza



Documento senza titolo

di Chiara Buccini

In Fonderia Abruzzo non sono mancate le polemiche sulla scelta degli organizzatori di aver fatto salire, sabato mattina, alcune hostess, nel momento in cui stava piovendo, sul palco per riparare con gli ombrelli i relatori tra cui il ministro De Vincenti. Eppure le cosiddette "ombrelline" quando sono utilizzate in Formula 1 o al MotoGP non scandalizzano. Forse perché hanno più l'aspetto di prestanti top model in abiti succinti, belle e vincenti in circuiti internazionali, che di ragazze normali in tailleur a 40 gradi nella Abbazia di una città di provincia. Ma, si sa, quando accade qualcosa davanti ai nostri occhi allora il re è nudo! E davanti all'evidenza i presunti benpensanti si scandalizzano. Bisognerebbe avere l'onestà intellettuale di indignarsi. Sempre. Anche quando l'utilizzo non proprio rispettoso delle donne, in questo caso delle ombrelline, avviene nel circo mediatico dello spettacolo. E ci si deve indignare e scandalizzare in tutte quelle situazioni in cui la dignità delle donne è sminuita e umiliata. Ogni giorno. Bisogna indignarsi anche quando il "vedere" è un "bel vedere". Anche quando, in altre parole, a portare l'ombrello è una top model vincente e copre la testa di un campione. Perché altrimenti è soltanto ipocrisia e provincialismo. Ma questa è una vecchia storia.


postato il 3/7/2017 alle ore 16:28

Share
Commenti
Non sei autenticato. Se vuoi fare un commento devi fare il Login



 

Ci sono 322 articoli in questa categoria. Leggi gli altri prossimo 2163 letture