CHI VIENE

11437

Il giudice cimiteriale




Da giudicato a giudicante, da concorrente di X Factor a giudice di “Diventerò una star”: il poeta cimiteriale di Castel di Sangro, Mauro Petrarca, passa dall’altra parte del tavolo ma preferisce stare sul palco. è in continua evoluzione la carriera artistica di Mauro Petrarca; col suo stile macabro ma non tanto, grottesco tra il serio e faceto, sarcasticamente serio e ironicamente impegnato. è una continua escalation di conferme Mauro Petrarca, tanto che ormai è difficile stare dietro alle sue evoluzioni artistiche: dal successo di “Poterino” al componimento poetico dedicato a “Batman”, dalle onde di Radio Rai alla piattaforma Sky, è tutto un Mauro, dalle mille sfumature di nero (che col sesso non hanno nulla a che vedere), note malinconiche e raffinate parole di condanna per usi e costumi che grotteschi lo sono per davvero. Mauro Petrarca, classe ’72, cantautore meglio conosciuto come il “poeta cimiteriale”, da quella prima esclusione a X Factor è ora impegnato nella registrazione delle puntate di un altro talent show, ”Diventerò una star”, seduto dall’altra parte del palco, al tavolo della giuria composta da lui e da nomi che nel recente passato hanno toccato i picchi più alti della notorietà, come Gatto Panceri, Valeria Rossi e Povia. La Rossi conobbe il successo con “Dammi tre parole”, Povia con la famosissima “I bambini fanno ohh”. Due brani che hanno conosciuto un successo commerciale che Petrarca invece non ha, sebbene, a Radio Rai e non solo, non è raro riconoscere le sue note nel sottofondo musicale di tanti programmi di taglio satirico, ed è proprio l’unicità del suo genere che ne ha fatto negli anni un “prodotto” di nicchia conosciuto e apprezzato nell’ambiente. Lui è così, col suo cilindro in testa, la sua faccia truccata di bianco con gli occhi rigorosamente dipinti da umano discretamente vivo o mediamente morto. Ed è con quella faccia e quel cappello che da tre puntate giudica gli artisti per il format che andrà in onda a partire da gennaio sui canali 820 e 940 della piattaforma Sky. «Sinceramente preferisco il palco – dice il giudice – Preferisco suonare e cantare che giudicare, anche se confrontarmi con i colleghi di giuria che commercialmente hanno avuto successo, mi piace». Stare dalla parte del giudice è un compito che Petrarca svolge senza nascondere un pizzico di sofferenza: «è una responsabilità – dice – giudicare il valore artistico di una persona in pochi minuti è un grosso carico di responsabilità che da concorrente non hai. Nelle preselezioni c’è stata tanta materia di un certo spessore, dagli attori, ai musicisti ai cantanti, c’è stata molta preparazione e attenzione da parte dei concorrenti». Secondo Petrarca però «manca un po’ la figura del cantautore che a me piace tanto». Manca un po’, diciamocelo, il prodotto di “nicchia”. grizzly

postato il 1/12/2012

Share
Commenti
Non sei autenticato. Se vuoi fare un commento devi fare il Login



 

Ci sono 311 articoli in questa categoria. Leggi gli altri prossimo 851 letture



La lista completa degli articoli di ZAC7 in edicola