CHI VIENE

12302

La tempesta di stelle




Tutti, proprio “tutti a casa”, non sono andati, almeno in Abruzzo. Nonostante il boom dei grillini che in parlamento portano cinque stelle (3 alla Camera e 2 al Senato), la cui “luminosità” è un’incognita. Se non altro facce nuove e carte d’identità non troppo logore, come quelle ormai utili per ritirare la pensione (più che invidiabile) dei Franco Marini, Giovanni Lolli e Paola Concia. O quella, per rimanere in zona, di chi la nuova legislatura non ha neanche potuto sfidarla: la “Ferrari dei no antri” Maurizio Scelli e “il pattinatore” Sabatino Aracu. Via, loro, almeno, tutti via: chi bocciato dal voto e chi dal partito. In campo, oltre il suono dei “cri cri”, restano solo i fedelissimi o chi della fedeltà ha fatto una merce. Ed eccoli i “nuovi” parlamentari abruzzesi: c’è, al Senato, l’organizzatore di tornei di calcetto e di tennis Antonio Razzi, pensionato di lusso per la sua “responsabilità”, c’è Gaetano Quagliarello, che a mala pena sa dove si trova l’Abruzzo, e Paola Pelino che, coraggiosamente, le va riconosciuto, ha imbracciato le armi ed è scesa in trincea a difendere un posto che prima del voto era tutt’altro che certo, circondata, come era, da due colleghi “marziani” (Quagliarello e Razzi, appunto). A palazzo Madama andrà anche Stefania Pezzopane, che invoca bagni di umiltà per il suo Pd, come se fosse estranea, lei, alla gestione disastrosa del partito a livello regionale. Sfilata di volti “nuovi” anche alla Camera: Fabrizio Di Stefano, Filippo Piccone, Paolo Tancredi, Giovanni Legnini e persino un ritorno nostalgico di Gianni Melilla. Di nuovo, però, qui, c’è solo il tipo di palazzo, con il passaggio dal Senato alla Camera. Per il Centro Abruzzo a portare la bandiera, messo che l’appartenenza territoriale con questa legge elettorale abbia ancora un senso, saranno in tre: la sulmonese Paola Pelino, in qualche modo Gianni Melilla che a Pettorano ha lasciato pezzi di cuore e di vita e Antonio Castricone spinto dalle forti correnti dell’acqua popolese fino al Lungotevere. Tre onorevoli che su fronti diversi dovranno garantire visibilità e futuro a questo territorio in cerca d’identità, di idee e di lavoro. Che disperatamente tenta di arginare le spoliazioni continue di uffici (su tutti il tribunale) e di industrie (l’ultima in ordine cronologico è la Cosmo). Un problema, certo, comune all’Italia, ma che da queste parti è fin troppo comune. Da mesi, da anni. Almeno da quando, nelle stanze romane, c’erano gli altri “magnifici tre”. Senza che questo sia servito a molto. A niente, anzi. Non è il caso, insomma, di farsi troppe illusioni, non fino a quando la politica continuerà a stare nelle stanze del palazzo, a crescere figli e figliocci nelle pozzanghere di paese. Per poi uscire all’aperto, in campagna elettorale, volgendo lo sguardo al cielo per poi impressionarsi di una attesa “tempesta di stelle”. grizzly

postato il 2/3/2013

Share
Commenti
Non sei autenticato. Se vuoi fare un commento devi fare il Login



 

Ci sono 311 articoli in questa categoria. Leggi gli altri prossimo 1131 letture



La lista completa degli articoli di ZAC7 in edicola