CRONACA

Zac7 - Il giornale del Centro Abruzzo

29986Sulmona

La Casini risponde a Sbic: “Il sindaco non è debole o disattento”



Documento senza titolo

Non vuole passare per un sindaco debole e tantomeno disattento. Il primo cittadino Annamaria Casini risponde alle accuse sollevate da Sbic e chiama in causa tutti i rappresentanti del territorio. Più volte il sindaco ha chiesto ad Asl e Regione il potenziamento dei servizi sanitari avviando anche una serie di incontri con gli addetti ai lavori. “Voglio pertanto rimarcare” interviene il primo cittadino “che non è il sindaco debole e ma debole è l’intero territorio cui io ho fatto ripetutamente l’appello, l’ultimo in questa settimana, sollecitando tutte le altre istituzioni e forze politiche che invece  stanno clamorosamente in silenzio totale, soprattutto i rappresentanti del Consiglio comunale che hanno riferimento in Giunta regionale, escludendo la Consigliera regionale Marianna Scoccia e la rappresentate sul territorio del Tribunale del Malato Catia Puglielli”. La Casini poi torna a criticare l’ordinanza di Marsilio e bacchetta Sbic “ una rappresentanza territoriale, la più debole di tutti” sottolinea “e per questo l’unica ad avere un serio alibi di scarsa incisività, perché con nessun riferimento politico ed istituzionale, pur con un autorevole componente, Maurizio Balassone nella doppia veste di Consigliere comunale e medico dell’Usca, ma pensa di fare il “bene comune” tentando di delegittimare il sindaco che da oltre quattro anni sta con forza portando avanti un difficilissimo mandato amministravo superando tantissime difficoltà ed emergenze.  Invito Sbic e le altre forze politiche a non cadere più nella tentazione di anticipare di otto mesi la campagna elettorale, ma di concentrarsi per dare forza alle nostre istituzioni ed istanze di questo territorio uscendo dal silenzio e portare avanti con onestà intellettuale battaglie concrete per il bene di tutta la comunità".

postato il 13/9/2020 alle ore 17:22

Share
Ci sono 15928 articoli in questa categoria. Leggi gli altri prossimo