CRONACA

Zac7 - Il giornale del Centro Abruzzo

23614Castelvecchio Subequo

Rintracciata, sul web, la piastrina di un alpino della Valle Subequana caduto sul fronte russo

Ora si pensa ad un ecomuseo sulle guerre del XX secolo con i volontari del Servizio Civile Nazionale

Documento senza titolo

Da una ricerca du Ebay, portale di vendita on line, è stata ritrovata la piastrina di un alpino caduto su fronte russo. Si tratta di Amelio Pizzocchia, caporal maggiore di Castelvecchio Subequo (AQ), del Battaglione L’Aquila, quello dal motto dannunziano “D’Aquila Penne Ugne di Leonessa”, IX Reggimento Alpini, divisione Julia, aveva appena compiuto 21 anni il 7 dicembre del 1942. A ritrovare il cimelio Gaston Billerbini, di origini italiane, nato in Argentina ed ora in Pennsylvania, appassionato studioso delle guerre mondiali, in particolare del fronte russo, collezionista-fotografo, memore di caduti della sua famiglia di origine, nel ricercare testimonianze belliche, ha intercettato dei cimeli degli alpini, in vendita su ebay da parte di russi che li avevano ritrovati, sepolti nel terreno. Li ha acquistati e fra questi cimeli ha notato la piastrina del povero Amelio Pizzocchia. “La spedizione postale di partenza dalla Russia, recapitata a Billerbini e mostrata con una foto, porta proprio il timbro da Rossocch, uno dei paesi nel medio Don” spiega Giovanni Pizzocchia “dove gli alpini avevano una sede di comando durante il presidio prima della ritirata. Il bravo Gaston, studioso ma contrario alle guerre come ci tiene a sottolineare, ha, sempre grazie al web, effettuato ulteriori ricerche per rintracciare eventuali parenti a cui donare la piastrina e, tramite facebook, ha contattato lo scrivente, poiché con lo stesso cognome, figlio del caporale alpino Tullio Pizzocchia, classe 1914, reduce dai fronti greco-albanese e russo, commilitone e cugino del compianto alpino subequano, di cui spesso ne aveva raccontato la sciagura. La piastrina partita dagli USA a metà ottobre è attualmente in transito nell’aeroporto di Milano Malpensa e, per i vari controlli, potrebbe arrivare anche nell’arco di due mesi”. Amelio, attualmente, non ha eredi diretti, ma solo nipoti. A Castelvecchio Subequo pertanto sarà organizzata una cerimonia. Si sta pensando ad una sezione museale, nell’ambito della Comunità Montana Sirentina – Ecomuseo d’Abruzzo, raccogliendo con l’aiuto della cittadinanza i vari i cimeli e foto, dedicati ai conflitti mondiali del secolo scorso, fino alla Liberazione. La mostra-museo servirà a testimoniare e a narrare dal vissuto della comunità locale.

postato il 8/11/2017 alle ore 11:56

Share
Ci sono 13695 articoli in questa categoria. Leggi gli altri prossimo