CRONACA

Zac7 - Il giornale del Centro Abruzzo

19699Sulmona

Studio di qualità dell'aria: delineate le linee guida, ma servono altri fondi

Gli studiosi si sono rivolti alla politica nel corso del terzo congresso nazionale

Documento senza titolo

Diventerà un modello da applicare ad altre regioni d’Italia lo studio sulla qualità dell’aria programmato in Valle Peligna in vista dell’eventuale realizzazione della centrale Snam a Case Pente. E’ questo uno dei punti sui quali si è discusso durante il terzo congresso nazionale “Dall’ecologia dell’uomo all’ecologia dell’ambiente” che si è chiuso oggi a Sulmona.
A curare le innovative linee guida dello studio, commissionato dal Comune di Sulmona e della durata di 18 mesi, è stato Tommaso Pagliani, coordinatore scientifico del Centro regionale di documentazione sui conflitti ambientali, il quale si è soffermato su diversi aspetti a partire dal fatto che questo sarà il primo ad essere effettuato prima della costruzione di una struttura impattante tenendo conto delle caratteristiche metereologiche del territorio.
“La centrale SNAM- ha spiegato Pagliani- in base a una analisi tecnica scientifica del progetto, produrrà 55,4 tonnellate annue di NOx, ovvero gli ossidi di azoto e le loro miscele e 110 tonnellate annue di monossido di carbonio, valori comunque alti”.

Ad intervenire durante il congresso anche il professor Lamberto Manzoli, responsabile scientifico del registro tumori regionale e docente universitario, il quale ha reso noti i primi dati del registro dei tumori istituito nel dicembre 2014.“Abbiamo rilevato Comuni in cui è più alto il rischio tumori- ha sottolineato-, tra cui Bussi, Popoli, Avezzano e Celano, ma non è semplice dimostrare scientificamente che è l'inquinamento cheli provoca. Ci sono aree problematiche ma servono studi più approfonditi, e l'applicazione delle linee guida che sono state stabilite in questa sede sarà importante”.
Il congresso, quindi, è stato, se vogliamo, un mezzo per sensibilizzare la politica, alla quale gli organizzatori si sono rivolti, per avviare un cambio di rotta nell’ambito di salute e ambiente. Per lo studio le linee guida ci sono, qualche perplessità resta sul dove trovare altri fondi per avviarlo.

Simona Pace


postato il 9/4/2016 alle ore 17:48

Share
Ci sono 14045 articoli in questa categoria. Leggi gli altri prossimo