CRONACA

Zac7 - Il giornale del Centro Abruzzo

30313Sulmona

Fuga dal Covid-19: alle Mauritius è possibile scopri come



Documento senza titolo

Tutti vorremmo risvegliarci dall'incubo della pandemia e ritrovarci come d'incanto nel mondo com'era solo pochi mesi fa: senza contagi esponenziali, senza il rincorrersi ossessivo di DPCM ferali, né virologi e scienziati onnipresenti in tv e sui social. "Pandemia" è però un termine chiaro, il virus è dappertutto. O forse no: a ben guardare, qualche angolo di pace sul pianeta Terra c'è, per esempio a Mauritius. Un luogo da sogno, che ha registrato solo 10 decessi a causa del Covid-19 e dove l'ultimo contagio risale addirittura al 26 aprile, con il lockdown revocato già da maggio 2020. Soprattutto, Mauritius ha saputo controllare egregiamente il contagio ed è ai vertici della sicurezza offerta a cittadini e visitatori, tanto da potersi permettere un programma di sviluppo turistico al passo con i tempi: è stato presentato alcuni giorni fa il Premium Travel Visa (visto Premium), per soggiorni di lunga durata, destinato a chi vuole e può fuggire dalla pandemia.
Vale un anno, è rinnovabile e può essere richiesto da quanti vogliano trasferirsi continuando a lavorare da remoto (professionisti o dipendenti di aziende), avere una seconda casa sull’isola o ritirarvisi in pensione: "workation" o buon retiro dunque, in un ambiente protetto dal Covid insieme a stabilità economica, politica e giuridica, con infrastrutture aziendali e per il tempo libero d’eccellenza, per un agevole smart working e una serena quiescenza.
I titolari del Premium Travel Visa, ottenibile solo se si può dimostrare di avere una fonte di reddito proveniente dal proprio Paese, potranno fruire di un servizio di concierge all'arrivo che li aiuterà a trovare case, auto, servizi bancari e telecomunicazioni; inoltre, per mantenere l'isola più protetta dal Covid sul lungo periodo, in caso di rinnovo non sarà più necessario rientrare nel paese di origine. Mauritius ha effettivamente implementato uno dei protocolli di monitoraggio sanitario più rigorosi al mondo: per chi arriva sono obbligatori un periodo di quarantena di 14 giorni, un test PCR prima della partenza, un test all’arrivo e un altro di follow-up al giorno 7 e 14. Una rigidità ben ripagata, oltre che dall'oblio del virus, da un paesaggio vulcanico e lunghe spiagge candide, alberi da frutta esotici e palme, un paradiso naturalistico con lagune cristalline e acque turchesi, temperature miti tutto l'anno, una spettacolare barriera corallina, servizi al cittadino moderni ed efficienti.
Le richieste possono essere inviate tramite l'Economic Development Board (EDB), dotatosi dal 15 novembre 2020 del portale dedicato https://www.edbmauritius.org , dove è possibile reperire tutte le informazioni di dettaglio. (mdm)


postato il 21/11/2020 alle ore 16:49

Share
Ci sono 16331 articoli in questa categoria. Leggi gli altri prossimo