AMBIENTE

6837Castel di Sangro

Il progetto di inanellamento rondini approda a "Il Feudozzo"

Annunciano la primavera con il loro arrivo e la stagione fredda con il volo verso l'Africa. Wwf e Utb unite per studiare questo splendido esemplare

Documento senza titolo


Accumula grasso, ma non è un orso, unisce Italia e Africa ma non è un aereo, è geneticamente programmata ma non è un computer. Sono le rondini, il volatile che annuncia l'arrivo della primavera e dell'autunno quando riprende il viaggio verso l'Africa. A livello europeo, è in corso un progetto sulla biologia e la migrazione della rondine. In Italia gli ornitologi coordinati dall'Ispra hanno marcato finora oltre 500.000 rondini. Da quest'anno il progetto approda anche in Abruzzo con il Wwf e l'Ufficio territoriale per la biodiversità (Utb) della Forestale di Castel di Sangro. Il sito scelto per spiare le rondini è "Il Feudozzo". Tiziana Altea, responsabile dell'Utb evidenzia "l'importanza del progetto e del sito scelto a Castel di Sangro. Gli ultimi dati sul progetto pubblicati dall'Ispra evidenziano per la prima volta che la rondine è geneticamente programmata per accumulare riserve di grasso utili per la migrazione, in quantità differenti a seconda dell'area geografica dalla quale parte per il lungo volo verso l'Africa." Augusto De Santis, inanellatore del Wwf, al Feudozzo ha contato 19 rondini adulte e 44 piccoli al nido inanellati con un codice individuale. "Chiunque riprenderà questi individui potrà segnalare il ritrovamento all'Ispra e avremo così un'informazione importante circa i loro spostamenti. L'anno prossimo ripeteremo le operazioni di inanellamento per stabilire quante rondini sono tornate e quanti giovani torneranno nel luogo di nascita per nidificare." Alcuni anni fa, due rondini su alcune migliaia inanellate in Abruzzo dal Wwf, furono ricatturate in Africa dove svernarono.

postato il 22/9/2011 alle ore 11:09

Share
Commenti
Non sei autenticato. Se vuoi fare un commento devi fare il Login



 

Ci sono 478 articoli in questa categoria. Leggi gli altri prossimo 811 letture